Designers

Daniele Lo Scalzo Moscheri

 

Daniele Lo Scalzo Moscheri è architetto, designer e art director.

Nato nel 1963, si è laureato al Politecnico di Milano e ha tenuto un Master in “Advanced Technology Application on Industrial design manifacture” in Florida. È stato consulente di Piero Lissoni dal 1994 e ha collaborato con Boffi, Porro e Living. Apre uno studio a Milano con la sede in Via Francesco De Sanctis 52.

Progetta e realizza progetti per importanti aziende di arredamento come Tisettanta, Matteo Grassi, Casamilano, Gallotti & Radice, Albed, Pedrali, Ivano Redaelli, Contardi, Ditre Italia, Varaschin, Montbel, Xera Kitchen, Mobileffe, Doimo Cucine, Albed, Ludovica Mascheroni.
Art Director di Giorgetti dal 2010 al 2013, e attualmente di Varaschin, Ditre Italia, Montbel, Xera Kitchen e Understate Milano.

Lo Scalzo Moscheri Studio è caratterizzato da un lavoro multidisciplinare dedicato alla direzione artistica delle aziende,dalla loro comunicazione fino allo showroom design, graphic design, produzione video, arredamento e styling. Anche lo studio sviluppa progetti di design interni specializzati in progetti di ospitalità, progetti di vendita al dettaglio e centri commerciali.

Ha realizzato progetti di showroom per Giorgetti a San Pietroburgo, Milano, Colonia e Kiev. L’attività di interior design attraverso una rete internazionale con clienti a Miami, Cannes, Parigi, Mosca e Pechino.

Recentemente lo studio ha progettato un appartamento duplex sulla Mercury Tower a Mosca, un attico a Lugano e un centro commerciale a Sanya.
Ha inoltre reinterpretato e disegnato per il Joe Colombo Studio una collezione di tappeti inediti.

Daniele Lo Scalzo Moscheri è stato pubblicato in alcune delle più importanti riviste internazionali e internazionali di architettura e moda come Vanity Fair, Interni, Elle Decor, il Sole 24 Ore, Abitare, Frame Magazine, Wall Paper.

Per
(brand di design di Centrufficio) ha progettato:


Giovanni Giacobone – Massimo Roj

 

Progetto CMR è una società specializzata nella progettazione integrata, fondata nel 1994 e guidata da Massimo Roj con l’obiettivo di realizzare un’architettura flessibile, efficiente ed ecosostenibile. Con 12 sedi nel mondo e oltre 150 tra architetti ed ingegneri, Progetto CMR realizza progetti di diversa scala coniugando dimensione sperimentale e competenze multidisciplinari. Dal 2010 è tra i primi 100 studi di progettazione al mondo segnalati da BD World Architecture Top 100. Giovanni Giacobone, architetto e designer, dal 1999 dirige e coordina l’Industrial Design Division di Progetto CMR, affiancato da Matteo Colombo, realizzando oggetti per la casa e l’ufficio che integrano design, tecnologia, funzionalità e sostenibilità ambientale. La qualità del lavoro svolto nel campo del design è stata premiata con diversi riconoscimenti quali Red Dot Award 2016, IF Design Award 2016, LUX Middle East Award 2016, l’ADI Design Index 2003, 2004, 2006, 2014 il Grandesign 2004, il Good Design 2008 e 2010.
Per (brand di design di Centrufficio) ha progettato:

Seventy Seven


John Bennett

 

Dopo essersi laureato al Royal College of Art ha iniziato a collaborare con Tecno a Milano su numerosi progetti ed Imparare a portare idee e concetti in produzione attraverso i principi del design per i processi industriali e il concetto di “Design senza moda” che diventava una caratteristica che si può trovare in molte delle sue opere future come consulente.Nel 1987 apre uno studio a Milano specializzato in mobili e product design e il suo lavoro si concentra ulteriormente sulla ricerca di coniugare fattori umani, materiali e processi produttivi nel concept finale.

Lo studio ha sviluppato mobili e prodotti per Tecno Spain, Frezza, Estel e Matrex in Italia e più recentemente per Versalink in Malesia e Vohaw in Cina.Il suo lavoro è stato esposto e ha ricevuto premi per “ADI Design Index”, “Design Plus – Light and Building Award”, “Good Design”, The Chicago Athenaeum e “Best of NeoCon Competition” e Chicago Editor’s Choice Award. Silver Prize CIFF 2012. Cina. MIFF 2016 il premio Platinum per la migliore categoria di mobile.

Per
(brand di design di Centrufficio) ha progettato:


Sakura Adachi

 

L’opera di Sakura è caratterizzata da una combinazione di approccio concettuale e artigianalità. Molti dei suoi prodotti sono auto-comunicanti, hanno la storia dietro il concetto e sfruttano al meglio dello uso delle caratteristiche dei materiali. Nel suo processo di progettazione, gli scenari di come gli oggetti vengono utilizzati e i comportamenti delle persone intorno agli oggetti sono argomenti importanti. Spesso i suoi prodotti si traduce in prodotti multifunzionali e trasformabili che richiedono soluzioni di salvaspazio.Ha ottenuto la laurea in Industrial & Craft Design alla Musashino Art University di Tokyo, con specializzazioni nella lavorazione del legno, e Master in Industrial Design alla Central Saint Martins College of Art & Design di Londra. Il suo lavoro di Master la libreria Caveha avuto una serie di pubblicazioni tra cui The Financial Times e di un’intervista da The New York Times.
Dal 2004 vive e lavora a Milano. Ha collaborato con alcuni studi di design conosciuti dove ha lavorato sui progettazioni di arredamento e illuminazione sia per ambito domestico e ufficio. Dopo aver aperto il suo studio di design nel 2008, ha disegnato per i produttori italiani e internazionali importanti come Alessi, Campeggi, Riva1920, Taschen, Estel, Martex, Fermob, Tura …ecc.
I suoi prodotti sono stati selezionati per Red Dot Design Award, Archiproducts BEST OF 2015, ADI Design Index nel 2016 e tanti altri premi. È stata una docente a Istituto Europeo di Design a Milano nel 2012. Dal 2014 è docente del corso di Industrial Design a ISIA di Roma sede di Pordenone.

Per
(brand di design di Centrufficio) ha progettato:


Matteo Silverio

 

Matteo Silverio è un architetto e ricercatore veneziano esperto di design computazionale e fabbricazione digitale.
Nel corso della sua carriera professionale ha collaborato con diversi studi internazionali, svolgendo il ruolo di lead designer e project manager nello sviluppo di progetti innovativi, molti dei quali vincitori di concorsi internazionali.

Dal 2017 dirige un team multidisciplinare con sede a Murano (matteosilverio.com) con il quale promuove e sviluppa progetti su diverse scale e settori, servendosi di conoscenze orizzontali e
contaminando ambiti “distanti” tra loro: il coding per ottimizzare forme o minimizzare gli sprechi, la biologia per dipingere quadri e produrre energia, la chimica per trasformare i rifiuti in opere
d’arte in un’ottica di circular economy. Molti dei suoi progetti sono stati pubblicati in riviste e libri ed esposti in prestigiosi musei o istituzioni come la Mint Gallery e la Saatchi Gallery (Londra), il Design Museum di Dubai e il Corning Museum of Glass (New York).

Allo studio professionale, Matteo affianca attività d’insegnamento e ricerca nel campo del design computazionale e della fabbricazione digitale, con un’attenzione particolare ai temi legati alla
sostenibilità ambientale e all’economia circolare. È attualmente docente presso l’Accademia di Belle Arti di Rovereto, l’Istituto Europeo di Design (IED) di Venezia e l’Università IUAV di Venezia.

Per
(brand di design di Centrufficio) ha progettato:


Matteo Aldo Origoni – Studio Origoni Steiner

 

Si occupa prevalentemente di exhibit, interior e product design, sviluppando progetti per clienti pubblici e privati, ​​tra i quali: Ermenegildo Zegna, Coesia, Panino Giusto, Riva1920, Caimi Brevetti, Korean Craft Design Foundation, Museo delle Culture di Milano, Atlanta Design Museum, Triennale di Milano, Museo del 900 di Milano e molti altri.
I suoi lavori sono stati pubblicati su numerose riviste specializzate e selezionati per premi nazionali ed internazionali, tra i quali il Compasso d’Oro ADI e il premio FAD per l’architettura e l’interior design; nel 2015 è stato finalista del premio “Medaglia d’Oro all’Architettura Italiana”.
Per tre anni consecutivi (2017, 2018 e 2019) è stato inoltre nominato “Ambasciatore del Design italiano” per l’”Italian Design Day”, evento organizzato dal Ministero degli Esteri Italiano.
All’attività professionale affianca quella didattica: è professore all’Accademia di Belle Arti di Brera e insegna Exhibit Design e Product Design presso IED e Raffles Milano.
Dal 2019 collabora, in qualità di consulente, con il progetto europeo FiberEUse, finalizzato al riutilizzo di compositi fibrorinforzati.
Nell’ambito di questa attività ha avviato con CUF Milano una sperimentazione volta all’inserimento di questi materiali sostenibili nel settore del mobile per ufficio, presentando il nuovo tavolo della nuova serie “Gleb”.


Itamar Harari

 

Nato a Tel-Aviv, Israele, e laureato in architettura a Firenze, poi trasferitosi a Milano dove collaborò negli studi di Marco Zanuso e Atelier Alchimia.
1992, apertura studio a Milano facendo architettura, design, allestimenti e consulenze.
Progetti di architettonica e di interni, tra i quali: scuola elementare a Melzo – Milano, villa con parco a QingDao – Cina, progetto di ampliamento del cimitero di Gozzano – Verbania, progetto per un museo dedicato ad Anthony Caro a Londra, edifici residenziali e appartamenti a Milano, Tel-Aviv, Firenze, Rep. Dominicana e Cina, fabbrica a Herzeliya – Israele, locali commerciali a Dubaj, Beijing, Milano e Mosca, Salone Made in Italy a Mosca.
Design, direzione artistica e collaborazione con aziende operanti in settori diversi: Alma Light, Alpi, Ancap, Argenesi, BBB Over, B-Line, Belfiore, Bisetti, Bragagnolo Argenti, Carmenta, Cerutti Inox, Drugeot, Felicerossi, Foscarini, Gedy, Glass 1989, Gobbo Salotti, Hego, Karcher design, Kludi Rak, Koh-i-noor, Luxo, Luxy, Morelato, Moen, Nason Moretti, Ottofond, Paini, Ponte Giulio, Rak, Rapsel, Ritzenhoff, Rogaska, Salice Paolo, Sanelli, Sedap, Slide, Tadiran, Tonelli, Valli, Visentin, Wisdom, Zieher.
Conferenze a Milano, Padova, Tel-Aviv, Gerusalemme, Beijing, Guangdong.
Mostre di design, grafica e fotografia a Milano, Tel-Aviv, Firenze, San Marino. Interventi e interventi su riviste specializzate in Italia, Spagna, Cina, Israele, Russia.
Attualmente lʼattività dello studio spazia tra architettura, interni e design proponendo nuove suggestioni e soluzioni attraverso un punto di vista personale, rendendo la tecnologia applicata alla creatività piacevole, emozionante e comunicativa.


CUF Milano Lab – Paola Ripamonti

 

Paola Ripamonti si laurea in Architettura presso il Politecnico di Milano.
Consegue la specializzazione di Bioarchitettura presso la facoltà di ingegneria dell’Università di Bologna.

Da oltre 20 anni collabora con aziende milanesi nell’ambito dell’allestimento di spazi destinati all’ufficio e nella progettazione di linee d’arredo per ufficio.

Negli ultimi anni ha curato la progettazione dei nuovi spazi espositivi per Centrufficio spa, oltre che la progettazione tecnica, all’interno del dipartimento R&S, di pareti divisorie e vetrate.

Il suo lavoro e’ caratterizzato dalla ricerca della semplificazione nei processi produttivi.


CUF Milano Lab – Luigi Glorini 

 

Il comparto Ricerca & Sviluppo di CUF Milano, avente come team leader il designer Luigi Glorini, si occupa di ricerca constante sui migliori materiali, ipotesi costruttive e progettuali e dettagli inerenti il mobile per ufficio. Il team R&S è impegnato costantemente su molteplici fronti: sviluppo di nuove linee d’arredo sulla base di breefing progettuali specifici e che siano all’insegna di una crescente sostenibilità ambientale, supporto ai designer esterni sullo sviluppo dei nuovi prodotti, rivisitazione e restyling delle linee d’arredo esistenti e progettazione sulla base delle norme fisiche di prodotto e chimiche sui materiali, con esecuzione di prove di laboratorio ai fini dell’ottenimento di certificazioni specifiche da enti.

Luigi Glorini è un progettista poliedrico, con esperienza maturata nella progettualità di linee d’arredo complete, a cui fare riferimento quando le esigenze progettuali sono tali da richiedere esperienze e conoscenze specifiche dell’arredamento su misura e nei lavori di falegnameria di precisione.


Visita anche www.cufmilano.com (il nostro brand di design)